venerdì 27 aprile 2018

Tarocchi - Il Matto - Arcano 0 - Arcani Maggiori


THE HERMETIC TAROT-DOWSON
Tarocchi - Il Matto - Arcano 0 - Arcani Maggiori




Il Matto nelle carte tradizionali viene definito così : un nuovo inizio, lasciare i preconcetti del passato, seguire il cuore, etc.. è importante vedere la posizione del Matto nella stesa (quando dico stesa intendo quella libera che non si trova in giochi in cui viene dato un significato preciso alla sua posizione) è importante proprio perchè è una carta di movimento e di andare verso qualcosa, dipende molto dalle carte che ci sono prima e che saranno carte che descrivono qualcosa che finirà, perchè il Matto porta un nuovo inizio, mentre le carte successive ci parleranno di dove andrà e se la carta è positiva o negativa ci darà indicazioni su cosa forse sia meglio seguire ....

Se esce all'inizio di una stesa esso ci aiuta a capire che la persona in questione sta iniziando il suo cammino, se lo troviamo dopo alcune carte questa persona deve rinnovarsi e capire quali siano le convenzioni che lo imprigionano, se lo troviamo alla fine della stesa , tutto quello che la persona ha vissuto fino ad allora deve cessare per ricominciare da capo.

A seguire vedremo come la figura del Matto viene intesa da tre diverse scuole di pensiero, possiamo attribuire ad esso molteplici significati e avere un bella visione o una visione pessima di lui, l'importante secondo me è ricordarsi che questa carta ci rappresenta quando noi ci avviciniamo allo studio dei tarocchi per la prima volta, noi siamo il folle che non sà dove andare e che viene spinto dalle situazioni della vita senza avere il giusto consiglio senza riconoscere chi o cosa abbiamo davanti a noi, che siamo cartomanti o tarologi, il Matto rappresenta quella forza e fede che inizialmente tutti dobbiamo avere per iniziare un qualsiasi studio che sia esoterico o materialistico, lui è la forza che ci fa prendere il libro in mano e ci fa iniziare la prima pagina .

Questo è quello che è almeno per me.

L'inizio di tutte le cose, colui che in se ha tutte le potenzialità per essere e diventare ogni cosa.


Oswald Wirth :

Ci consiglia di non seguire il matto, gli animali che si trovano nella carta sono la lince bianca e un coccodrillo nell'angolino a destra in basso della carta, la lince morde il matto e lo manda verso il coccodrillo che lo divorerà, il tulipano rosso ai suoi piedi rappresenta la spiritualità che ognuno di noi ha in se e che seguendo i morsi della coscienza ( lince) dovrebbe svilupparla e andare più lentamente verso il coccodrillo.

La sua cintura è d'oror e costituita da 12 placche che rappresentano per wirth lo zodiaco che ingloba e traccia i confini del'universo e che ....... insomma per wirth il folle non è una figura che possa essere definita positiva , e ha differenza di waite che lo vede come un illuminato che contempla la creazione, lui lo vede copme colui che vive senza spirito e senza coscienza, (in un certo senso il matto creerà le sue coscienze attraverso il viaggio nelle altre carte ma ancora non sappiamo se questo sia la visone di wirth, sicuramente è la mia), all'interno della sua spiegazione inizia anche a darci la sua visione alchemica in cui il matto rappresenterebbe l'allume, il sale base di tutti i sali, visto come sostanza passiva.

La lezione del matto sarebbe secondo wirth che noi nel mondo non siamo nulla e che prendendo coscienza di questo noi ci avviciniamo sempre di più al divino nella sua descirzione inserisce anche una costellazione che dice è quella di Cefeo che era il marito di Cassiopea, nella sfera celeste Cefeo posa i piedi sull'estremità dell'orsa minore.

Le sue interpretazioni divinatorie sono quasi sempre non positive e che rappresentano l'ignoranza e il caos spirituale senza la possibilità di prendere coscienza di se stesso, e lo vede come un essere incapace di riconoscere i propri torti e rimorsi, così da delineare un umano incapace di provare affetti e visioni spirituali....


Come lettera della cabala abbiamo Shin che è disegnata nel lato in basso a destra nella cornice:

"Simmetria e cambiamento"



La lettera più armoniosa e simmetrica, simbolo y di equilibrio e di grazia. È la grazia che l'anima suscita in Dio tramite il farsi armoniosa ed equilibrata. L'unità dei Tre nell'Uno. I tre Patriarchi, i tre cammini dell'Albero della Vita. L'unione di Chokhmà, Binà e Da'at. Nel futuro alla Shin verrà aggiunta una quarta testa, il segreto della femminilità redenta che sale al di sopra della mascolinità.
Dal punto di vista tecnico possiamo vedere che anche Wirth si è ispirato a dei Tarocchi Marsigliesi quelli di Court de Gebelin ....



A.E.Waite :


Il Matto viene descritto come un uomo forse un viaggiatore tra i mondi che rimane in estasi davanti al creato, esso sa già tutto è "lo spirito in cerca di esperienza" nel suo manuale di cartomanzia waite dice che questa carta richiede molti doni straordinari per essere messa in opera... 


I simboli che troviamo sono una rosa (la rosa mistica), il bastone, la sacca riccamente ricamata, il cane , l'abito costoso in cui si possono vedere le sephirot della cabalà, questo matto rappresenta un iniziato che ha compiuto in se il cammino ed è arrivato all'estasi della conoscenza e come tale è alla fine ma anche all'inizio del nuovo viaggio del suo spirito in un altra dimensione .....


Questo Folle ha una direzione che può vedersi inversa nel suo cammino ai Tarocchi tradizionali, questo riflette però il pensiero di Waite in cui il Matto messo alla fine del percorso dall' Arcano dal 1-20 procede indietro e messo davanti al percorso 1-21 si allontana da esso, questo stà nella sua personale visione non di follia ma di illuminazione....



Dal testo La Via del Tarot di Alieiandro Jodorowsky e Marianne Costa



Questa carta è una carta di energia e libertà, cammina con passo risoluto e le scrpe rosse e il bastone rosso ci dicono che è un energia forte di movimento.è una creatura libera da ogni necessità, lui è la forza dell'energia eterna del divenire, i simboli di questo arcano sono nei campanelli, nella foglia, nei puntini sul bastone, nella mezzaluna sul cappello, e nella luna ricettiva, nel cane, che rappresenta l'io infantile che è domato, i suoi colori sono il rosso e il verde che rappresentano la vita animale e la vita vegetale, le sue maniche azzure parlano di azioni spirituali, il copricapo giallo di intelligenza ...

nelle letture il Matto porta un forte impulso energetico, se si dirige verso una carta la carica con la propria energia, se si allontana abbandona quella situazione e va verso una nuova, aiuta soprattutto a capire in cosa si sta impegnando il consultante. se si identifica con un personaggio può rappresentare follia o leggerezza, anche un viaggio ....

E se il matto parlasse : devi ampliare i tuoi limiti all'infinito, smetti di essere il testimone di te stessoe comincia a essere azione. Esiste soltanto l'azione pura nell'eterno presente. mantieniti aperto all'intuizione ...

l'essere in trance non agisce mosso da quello che ha imparato, ma da quello che è.


Altre citazioni da vari autori


Dal testo The Tarot by S.L. MacGregor Mathers 1888


0, lo stolto. Un uomo con berretto di un folle, vestito come un giullare, con un bastone e un sacco sopra la spalla. Prima di lui la farfalla del piacere lo attira mentre in altre illustrazioni è un cane dietro di lui che lo morde e lo manda avanti. Significato: Follia, Espiazione


Dal testo The Symbolism of the Tarot di P D. Ouspensky 1913


0. IL PAZZO.
Poi vidi un altro uomo.
Stanco e zoppo si trascinava lungo la strada polverosa, attraverso la pianura deserta sotto i raggi cocenti del sole. Guardò di traverso come un folle, gli occhi sbarrati, un mezzo sorriso, un mezzo ghigno sul suo volto; egli non sapeva dove andava, ma è stato assorbito nei suoi sogni chimerici che si è svolto costantemente nello stesso cerchio. Il berretto da buffone è stato messo sulla fronte dal lato sbagliato, le sue vesti sono state strappati nella parte posteriore; una lince selvaggia con gli occhi ardenti balza su di lui da dietro una roccia e infila i suoi denti nella carne. Ha inciampato ed è quasi caduto, ma ha continua a trascinarsi, per tutto il tempo porta in spalla una borsa contenente cose inutili, che egli, nella sua stupidità, portava ovunque andasse.

Davanti a lui una fessura attraverso la strada e un precipizio profondo che attende il viandante sciocco. Poi un enorme coccodrillo con la bocca aperta strisciato fuori dal precipizio. E ho sentito la voce dire: -

"Guarda! Questo è lo stesso uomo."

Ho sentito il mio vortice testa.

"Che cosa ha nella borsa?" Ho chiesto, non sapendolo

Questo ho chiesto. E dopo un lungo silenzio la voce ha risposto: "I quattro simboli magici, lo scettro, la coppa, la spada e il pentacolo. Lo stolto li porta sempre, anche se lui ha da tempo dimenticato cosa significano. Tuttavia essi appartengono a lui, anche.. anche se non conosce il loro utilizzo. I simboli non hanno perso il loro potere, essi si conservano in se stessi.


Dal testo The Tarot of the Bohemians by Papus Translate by A.P. Morton 1892


Lo stolto
Un uomo distratto dall'aspetto, indossa il cappello di un pazzo, con i vestiti strappati e un fagotto sulle spalle, va tranquillamente per la sua strada, senza prestare attenzione a un cane che si morde la gamba. Non guarda dove va, così cammina verso un precipizio, in cui un coccodrillo è in attesa di divorarlo.

Questa è l'immagine dello stato a cui passione irresistibile ridurrà un uomo. E 'il simbolo della carne e della sua soddisfazione. Da un punto di vista morale i seguenti versi di Eliphas Levi ben spiegano questo simbolo--

"C'est Souffrir travailler, c'est accomplir sa tâche,
Malheur au paresseux qui dort sur ​​le chemin;
La douleur, comme un chien, mord les artigli du lâche,
Qui, d'un seul jour perdu, surcharge an lendemain .


tradotto:
"Il dolore diminuisce nel lavoro, per adempiere un compito,
Guai per il pigro che dorme nel suo cammino;
Come un cane alle calcagna dolore si aggrappa a lui in fretta,
se n'è andato per domani il lavoro di tutti i giorni."

1. rapido ritorno più al mondo divino. Personalità che afferma se stessa
Il moto di durata relativa.
2. L'intelletto appare approssimativamente sotto l'influenza di un evoluzione
INNERVAZIONE. ISTINTO.
3. La materia del mondo raggiunge il massimo della sua progressione -- materiale

Da Wikipedia

Il significato del Matto assume tutte le sfumature tra l'innocenza e la follia, compresi l'istinto, l'originalità, la spensieratezza, le azioni incomprensibili, il distacco della mente. È la parte irrazionale dell'uomo, che può condurlo sia nel bene che nel male. Nella sua accezione di viandante girovago, simboleggia la ricerca di cambiamenti, cammino verso l'evoluzione, gioia di vivere, sregolatezza, sogni ad occhi aperti Simboleggia un evento determinante e inatteso. In senso spirituale, può rappresentare il passaggio ad un altro livello di consapevolezza.


In positivo è la forza della vita che raccoglie tutto il cammino fatto e ci proietta ad un nuovo inizio; può rappresentare una novità, spesso imprevedibile o inaspettata. È però carta duplice: genio e/o follia, profeta visionario e/o buffone. Molti la ritengono solo negativa. Infatti è difficile cogliere le differenze.


In negativo è la follia, intesa come alienamento dalla realtà, il restare confinati nel proprio mondo interiore. Può indicare indifferenza, depressione, vuoto. È anche smarrimento, voglia di fuggire dal passato, irresponsabilità, esibizionismo, immaturità, inesperienza, superficialità. Per il Wirth rappresenta la perdita del libero arbitrio.



P.S.
La carta del Matto non aveva numero, il numero 0 compare nel Matto di Etteilla nel 1778
Il Matto è una carta che non ha numero, perchè esso prenderà su di se i numeri degli Arcani seguenti trasformandosi in essi di volta in volta mentre percorre il suo viaggio fino a diventare l'Arcano XXI 

Il Matto può essere messo in correlazione con l'Arcano XIII, con l'Arcano IIII, con l'Arcano XXI , con l' Arcano VIIII

n.b.

I testi citati in inglese sono stati reperiti da http://sacred-texts.com/tarot/index.htm